Notizie da Galatina

"Megaparco di Galatina: nessuno attacchi Garrisi"

Tiene banco la discussione sulla struttura irrealizzabile. Antonio Pepe, capogruppo Udc, a muso diro con il sindaco Antonica: "Prima di esprimere giudizi sul suo precedessore raggiunga risultati"

A Galatina tiene banco la questione del progetto "irrealizzabile" del Megaparco commerciale. Ed il dibattito assume toni forti. Antonio Pepe, capogruppo Udc, non usa mezzi termini ed attacca il primo cittadino, Sandra Antonica, colpevole, a suo dire, di gettare ombre sull'operato del suo predecessore Garrisi: "Il sindaco, prima di esprimere giudizi sull'operato del suo predecessore, dovrebbe rimboccarsi le maniche e tentare di raggiungere qualche risultato concreto, ove ne fosse capace, e poi eventualmente esprimersi. Ricordo, visto che molto astutamente nessuno sinora lo ha mai fatto, che Galatina sta ancora raccogliendo i frutti del lavoro svolto dalla precedente amministrazione: l'illuminazione della facciata della Chiesa Matrice ed i lavori di rifacimento del basolato in via Siciliani ne sono l'ennesimo recente esempio".

Continua Pepe: "Le scelte in merito alla vicenda Megaparco operate dall'amministrazione Garrisi sono sempre state dettate dalla necessità di creare nuove opportunità occupazionali, cercando così di dare risposte concrete ai bisogni dei giovani e non, invece, ignorarli totalmente, atteggiamento che purtroppo sta contraddistinguendo l'attuale amministrazione". Racconta ancora l'esponente dell'Udc: "Anni fa ci fu prospettata la possibilità di realizzare nel nostro territorio una mega struttura con il rischio che se ad ospitarla non fosse stato il Comune di Galatina, altri comuni limitrofi avrebbero potuto dare il via libera, costringendoci a subire solo gli effetti negativi. Come giustificheranno ora la probabile realizzazione di simili strutture nei territori confinanti?".

La decisione di contrastare il Megaparco, in funzione delle intenzioni espresse dal vicepresidente regionale, Sandro Frisullo, di sbloccare le licenze attraverso la nuova legge regionale nei primi mesi del 2008, sarebbe per Pepe, dunque, "dettata da incomprensibili quanto oscuri motivi". Incalza il consigliere Pepe: "Centinaia di posti di lavoro, 80 milioni di euro di investimenti, migliaia di euro di entrate per le casse comunali, un sostanzioso contributo, previsto dalla normativa regionale, pari ad una percentuale totale dell'investimento da destinare alla realizzazione di opere nella nostra città: sono solo questi alcuni degli aspetti negativi. E ora? Come si fa, in un particolare momento come questo, a rifiutare simili opportunità?".

"Il Sindaco - prosegue Pepe- parla delle contraddizioni altrui. Ma non ricorda che, durante l'adozione della delibera concernente la realizzazione del megaparco, dopo un'interminabile arringa a sfavore di tale proposta, molto ‘furbescamente' si allontanò, senza partecipare al voto. Spiegherà ora alla Città il vero motivo di quell'assenza? E che dire del vicesindaco Perrone, che votò a favore di quella delibera, e ora viene costretto dal Suo Sindaco a rimangiarsi tale decisione? Come giustificheranno ai cittadini di Collemeto la storica occasione perduta per rilanciare un intero territorio?" Conclude Pepe: "Dopo la revoca del finanziamento provinciale di 2,5 milioni di euro, l'occasione fallita del megaparco, il mancato finanziamento del progetto "Bollenti spiriti", l'incapacità di trovare risorse extracomunali per la ristrutturazione del Cavallino Bianco, le mancate promesse in materia di rifiuti, quale altra tegola si abbatterà sulla nostra città?"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Mio caro Giuda ebbene anche che tu resti chiuso in casa senza commentare perchè una volta che lo fai mi sa che non lo sai fare.....ti abbrevio un pò tutto. Tu e la tua famiglia ti rechi presso centri commerciali tipo Ipercoop e/o Carrefour??? Bhe cosa sarebbe cambiato se lo avessi nella tua città?? Non andavi tutti i giorni a fare la spesa all'iper di sicuro. Più di 1000 posti di lavoro andati in fumo per non parlare delle casse comunali che non beneficeranno di quanto dovuto che potevano servire per altri investimenti. Rimaniamo con questo sindaco che ci troveremo nella @#?*%$a più totale. Ah dimenticavo...le opere che stai vedendo ultimate sono della vecchia amministrazione :-)

  • Avatar anonimo di Luigi Salento
    Luigi Salento

    Il signor Pepe non capisce ho fa finta di non capire la realtà dove vive,fatta di piccolo commercio piu l'indotto oltre a questo è anche una questione d'identità ma queste persone ragionano solo con il denaro ,che poi una scelta tale alla lunga avrebbe danneggiato tutta la città di galatina e non solo ,ma per trenta denari sarebbero disposti a vendere anche la loro mamma,questi signori fanno parte del partito di mele puttaniere e drogato tutto per la famiglia. ,e chi avrebbe dovuto costruire questa schifezza chiamata megaparco Noi nel salento non vogliamo centri commerciali ha fatto bene il sindaco tanto di cappello e' stata eletta anche grazie alla sua posizone di cotrarietà.

  • Avatar anonimo di Paolo M
    Paolo M

    il megaparco rappresenterebbe solo la fine per il commercio cittadino ed anche per la vitalità nella cittadina salentina. la classe politica evidentemente si fa comprare da chi ha l'interesse a impiantare questi non luoghi meramente commerciali, dove la società perde ogni ragion d'essere a scapito del profitto che peraltro non resta neppure sul territorio. garrisi ha le sue responsabilità.

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Gallipoli

    Sbancano suolo a ridosso della spiaggia con la ruspa: sequestro e denunce

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Un boato sveglia il vicinato all’alba: si sbriciola il tetto di un’abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento