Notizie da Galatina

Freddato con tre colpi d'arma un 39enne. Fermato un sospettato

Il fatto di sangue è avvenuto nelle campagne tra Collemeto e Galatone, La vittima, uccisa a pochi metri da casa, lascia la compagna e due figli. Le forze dell'ordine hanno fermato un 32enne, banconista di un bar nella zona

L'auto nella quale è avvenuto l'omicidio.

COLLEMETO (Galatina) -  Un omicidio ha stravolto l'inerzia di un pomeriggio quasi agostano. Nelle campagne tra Collemeto (frazione a 7 chilometri da Galatina) e Galatone, in località "Case Rosse", è stato colpito a morte, a colpi di arma da fuoco, un uomo di 39 anni: si tratta di Gianpiero Murinu, di Galatina. Il fatto di sangue si è verificato tra le poco prima delle 17 del pomeriggio. L'arma del delitto, a quanto pare una pistola, non sarebbe ancora stata ritrovata.  

La vittima, rinvenuta all'interno di una Lancia Phedra, risulterebbe incensurata. Agricoltore, lavorava in campagna, in un fondo coltivato ad angurie, e viveva da due anni in una casa sita a duecento metri circa dal luogo dell'omicidio. Sul posto si sono diretti i carabinieri della compagnia di Gallipoli, coordinati dal capitano Stefano Tosi, gli agenti del commissariato di polizia di Galatina, guidati dal vice questore Giovanni Bono, il personale del 118, il medico legale Alberto Tortorella e il pubblico ministero Paola Guglielmi, che sta coordinando gli investigatori.

Il movente è di natura passionale e il delitto è avvenuto durante un confronto tra la vittima e l'uomo che gli ha sparato. Tre, a quanto pare, sono stati i colpi esplosi, da distanza ravvicinta. Un proiettile s'è conficcato nella spalla destra, un altro nel petto. Quest'ultimo è risultato fatale. Diego Alfieri, un 32enne originario di Nardò, banconista del bar Alexander di via Kenedy, a Galatina, è stato rintracciato nel tardo pomeriggio in casa dai carabinieri,  interrogato a lungo nel commissariato di polizia di Galatina, per essere poi sottoposto a fermo, con l'accusa di omicidio doloso aggravato. Su di lui è stata effettuata la prova dello Stub per la rilevazione dei residui da sparo. foto ALFIERI Diego-2

Secondo le prime ricostruzioni, i due si sarebbero incontrati per un confronto, su richiesta di Murinu. Pare che questi sospettasse una relazione fra la sua compagna e il gestore del bar. Proprio per questo, Murinu e la compagna sono andati a prelevare Alfieri al bar, con l'auto, e si sono recati nelle campagne presso l'abitazione dell'agricoltore. Ma durante l'incontro chiarificatore, la situazione deve essere degenerata. Alfieri ha estratto la pistola, facendo fuoco.  

La salma del 39enne, che lascia l'attuale compagna (la quale avrebbe assistito al delitto) e due figli - un 14enne e un bambino che frequenta la scuola elementare - è stata trasportata presso la camera mortuaria del "Vito Fazzi" di Lecce.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Si allontana, attraversa la litoranea e raggiunge la scogliera: paura per un bimbo di 3 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento