Notizie da Galatina

Revolver e taglierino nel bar. “Ripuliscono” i clienti e scappano

I malviventi hanno preso di mira la caffetteria "Melì e Melò" alla periferia di Galatina. Si sono fatti consegnare cellulari, portafogli e chiavi dai presenti, per poi prelevare una somma di 300 euro contenuta in cassa

Il commissariato di polizia di Galatina

GALATINA – Erano circa le 21 quando due malviventi, entrambi armati, rispettivamente di taglierino e pistola, forse giocattolo, hanno fatto irruzione nei locali del bar “Melì e Melò”, in viale Gallipoli, alla periferia di Galatina, per mettere a segno una rapina.

Noncurante del fatto che con lo spoglio ancora in corso ci fossero numerosi passanti per strada a discutere dei risultati elettorali, la coppia di malviventi ha minacciato proprietari e clienti della caffetteria – che è anche rivendita di tabacchi e giornali- costringendo i presenti a consegnare quanto custodito nelle tasche.

I due hanno rimediato un bottino costituito da tre telefoni cellulari, diversi portafogli contenenti somme di denaro ancora in fase di quantificazione e persino delle chiavi delle vittime. Poi hanno puntato ai contanti contenuti nel registratore di casso, una somma di circa 300 euro.

Arraffato il denaro hanno rapidamente guadagnato l’uscita, dileguandosi a bordo di un’autovettura. Ancora increduli, in uno stato di forte agitazione,  gli sventurati testimoni dell’accaduto hanno allertato gli agenti del commissariato locale.

 Intervenuti sul posto, i poliziotti coordinati dal vice questore aggiunto, Giovanni Bono, hanno ascoltato le dichiarazioni dei presenti e raccolto le testimonianze di coloro che si trovavano all’esterno dell’attività al momento della rapina. Al vaglio degli investigatori, intanto, anche i nastri del sistema di videosorveglianza degli esercizi attigui.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento