Notizie da Galatina

RIFIUTI A GALATINA: DE MATTEIS: "Una nuova STANGata"

Continua a tenere banco a Galatina la questione dei rifiuti e i possibili aumenti del servizio. De Matteis (Fi): "La giunta in sordina ha approvato una delibera che si tramuterà in stangata"

Palazzo Orsini, a Galatina.-2
Non sembra esserci pace per la maggioranza di Palazzo Orsini: dopo le discussioni interne sulla questione rifiuti e il voto discorde, dopo le polemiche a distanza fra il sindaco e i socialisti "dissidenti", è ora l'opposizione a rincarare la dose. Giuseppe De Matteis, capogruppo forzista al comune, sottolinea come nell'ultima assise consigliare la maggioranza abbia approvato il piano finanziario per l'anno 2008, contente "un ulteriore e rilevante aumento della tariffa rifiuti in danno dei cittadini". Aumento che si collocherebbe sulle prossime fatture dal 15 al 20% in più rispetto allo scorso anno.

"Tale approvazione - ribadisce De Matteis - è avvenuta solo con una maggioranza numerica e non più politica, esplosa in maniera eclatante con tutte le sue contraddizioni, se si considera che un argomento come il P.e.f. della CSA, con tutte le implicazioni politiche, ha racimolato solo 10 voti a favore e ha registrato la disapprovazione netta di altri 5 Consiglieri Comunali della stessa, oramai inesistente, coalizione di sinistra, oltre a quelli della minoranza". "Tutto ciò - prosegue - nonostante tutti gli sforzi e l'opera delle diplomazie politiche,attivatesi anche durante la seduta consiliare, per racimolare almeno i voti di astensione pur di evitare il peggio".

Ma De Matteis aggiunge anche una rilevazione: "La giunta (tutti presenti), quasi in sordina e senza pubblicizzare troppo - come al solito - il suo operato agli organi di stampa, nei giorni scorsi ha adottato un'altra delibera (n. 168 del 13 maggio), che si tramuterà in un'altra stangata per tutti i cittadini, che saranno costretti a pagare subito entro il prossimo 20 giugno la fattura di conguaglio della tariffa 2007". De Matteis, che attribuisce la principale colpa dei maggiori costi a quella che definisce "la demenziale e irresponsabile politica del Governo Regionale di Vendola e Frisullo", sottolinea come tutto questo fosse stato ampiamente previsto e denunciato dalla sua parte politica.
"A nostro avviso - afferma - ci si dovrebbe attivare tutti insieme nei confronti dell'Ato Le2 e della Regione Puglia affinché sia riaperta la discarica di Nardò, posto che è agli atti la disponibilità della ditta proprietaria, oltre che accertata la possibilità di conferire ancora per un anno i rifiuti dell'ambito Le/2, e quindi anche i nostri, nella discarica di Castellino".

Conclude De Matteis: "Sia in passato che ancor di più oggi la nostra parte politica ha dichiarato la disponibilità a lavorare e dare il proprio contributo alla soluzione di un problema, tanto serio, quanto sempre più pericoloso, pur di scongiurare ai cittadini l'ipotesi, sempre più concreta, di ulteriori stangate, e ancora di più il terrore di eventuali emergenze e disastri ambientali".
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Centrodestra, senza Gigante nessuna firma per le dimissioni: "Fermati dalla burocrazia"

  • Politica

    Delli Noci: "Goffo ma legittimo tentativo". Forza Italia contro il M5S

  • Cronaca

    Spingono dipendente e irrompono in agenzia: rapina da oltre 5mila euro

  • Politica

    Inaugurazione del 63esimo anno accademico: al centro legalità e diritti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta: ragazzino di 15 anni trovato senza vita nel letto dei genitori

  • Sgominata banda dei furti: tra gli otto arrestati anche il custode del depuratore di Taviano

  • “Da Totò” spegne l’ultimo fornello. La città piange la morte lo storico ristoratore

  • Chiuso il cerchio sullo spaccio nelle Giravolte: in tre finiscono nei guai

  • Scandalo del gasolio non raffinato: arrivano i primi risarcimenti

  • Ville al mare come centrali di smistamento: sequestrati due quintali e mezzo di marijuana

Torna su
LeccePrima è in caricamento