Notizie da Galatina

Fabbrica bombe carta e batterie, cento chili di esplosivo dentro casa per la festa

Nei guai Michele Barrazzo, 55enne di Noha, frazione di Galatina. Risponde di fabbricazione e detenzione di materiale esplodente. Scoperto dagli agenti di polizia, che hanno trovato una corda con fuochi pirici posta vicino alla chiesa senza autorizzazione. Da lì, la successiva perquisizione

NOHA (Galatina) – Da un controllo è emerso che custodiva fra le mura domestiche una sorta di arsenale fatto a casa. Tutto finito sotto sequestro. E così, c'è stato ben poco da festeggiare. 

Ammonta a circa un quintale il materiale esplodente sequestrato dagli agenti di polizia del commissariato di Galatina, che, su disposizione del pubblico ministero di turno Emilio Arnesano, hanno tratto in arresto Michele Barrazzo, 55enne di  Noha, frazione di Galatina. Risponde di fabbricazione e detenzione di materiale esplodente, custodito in casa.

L’uomo è peraltro già noto e con precedenti anche specifici. Insomma, un vecchio vizio rinverdito in occasione delle celebrazioni per il patrono di Noha, San Michele Arcangelo. Gli agenti del commissariato, in questi giorni, sono di stanza sul posto proprio per via dei festeggiamenti e oggi, nei pressi della Chiesa madre, hanno notato, legata tra due alberi, una corda con fuori pirici di genere vietato, appesi da una persona che non era stata autorizzata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DSC_0593-2Barrazzo è stato immediatamente rintracciato e, dopo aver fatto rimuovere la corda, i poliziotti hanno deciso d’ispezionare anche dentro casa. La perquisizione ha permesso così di trovare altro materiale esplodente. E non poco. Fra il centinaio di chili di materiale pirico, spiccavano oggetti fabbricati artigianalmente, come grosse bombe carta, batterie esplosive e artifizi di vario tipo. Inutile anche sottolineare, non certo nelle condizioni di sicurezza adeguate. Con tutti i rischi impliciti. Barrazzo è stato dichiarato in arresto e sottoposto ai domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento