Notizie da Galatina

Parte una nuova esperienza a Galatina con lo sportello di consulenza filosofica

A partire da novembre, presso la biblioteca civica "Pietro Siciliani" sarà attivo questo servizio, guidato dall'esperta Paola Teresa Grassi: una relazione di orientamento che si avvale degli strumenti propri della filosofia

GALATINA – Uno sportello di consulenza filosofica a Galatina a partire da novembre. Quando si parla di consulenza filosofica si intende una relazione di orientamento che si avvale degli strumenti della filosofia: il dialogo e la domanda come luoghi di ascolto e comprensione. La pratica filosofica aiuta a prendere decisioni, favorisce la comprensione di temi esistenziali, facilita la definizione e la realizzazione dei valori della persona.

Il consulente filosofico, quindi, è un esperto in filosofia che mette al servizio del proprio interlocutore una consuetudine di approccio ai problemi, che è frutto di una intensa ed interiorizzata frequentazione della storia delle idee. Inoltre, si rivolge a individui inseriti in contesti relazionali di particolare complessità: il fine dell’esercizio è quello di individuare quando e dove la complessità insorge generando malessere.

Lo scopo della consulenza filosofica è quello di scoprire dove e come le errate posture logiche nascono e crescono per favorirne il superamento attraverso la ricerca di nuove abitudini. Che cosa accade in una sessione di consulenza filosofica? A spiegarlo è Paola Teresa Grassi, che vive e lavora a Lecce come consulente filosofica, dopo essersi formata in Inghilterra e negli Stati Uniti, risultando tra i pionieri della professione.

“Il primo incontro è dedicato ad esplicitare la questione che si intende esplorare: un dilemma etico, una decisione da prendere, un conflitto valoriale. La materia di cui è fatta la pratica filosofica sono proprio i valori. E chi si rivolge ad un consulente filosofico è qualcuno che avverte l’esigenza di mettere ordine in quel luogo del proprio mondo di dentro dove i dilemmi insorgono senza preavviso, i conflitti si percepiscono con maggiore intensità e ‘le decisioni decidono’ senza interpellarci, paralizzando la nostra volontà e impedendoci di prendere la strada del nostro destino”.

“Il gesto della consulenza filosofica – prosegue - è l’esplorazione. Il primo passo su questo percorso di riappropriazione di sé consiste nel dare un nome all’oggetto del questionamento e, una volta circoscritto lo spazio che esso occupa, provare insieme ad individuare quali siano le modalità per accedervi: interrogazione sul senso delle parole, formulazioni di ipotesi, esercizi di immaginazione, verifica del pensiero critico e modalità di ideazione”.

Protagonista della relazione è il consultante, una persona che, ad un certo punto della propria vita, avverte con chiarezza l’esigenza di confrontarsi su un argomento di particolare attualità nell’economia della propria esistenza e sceglie di farlo con un esperto del filosofare. L’obiettivo di una conversazione filosofica è di indurre il soggetto del questionamento a comprendere e ricostruire il proprio discorso filosofico coerentemente al quale iniziare o riprendere ad orientare il proprio stile di vita. E con ciò riconsegnando se stesso a quell’originario patto con la ragione siglato alla nascita, che è propriamente ciò per cui ciascuno di noi possiede per natura la capacità di vivere filosoficamente, nella consapevolezza che la procrastinazione è nemica di una vita vissuta secondo ragione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La frequenza e la durata degli incontri vengono decise dal consultante. Il tempo tra una sessione e quella successiva è generalmente dedicato ad esercitazioni di scrittura, meditazione o lettura che possono determinare uno scambio epistolare, cartaceo o elettronico, tra consultante e consulente. L'accesso allo sportello è gratuito. Il servizio verrà attivato il giorno 8 novembre alle ore 16 presso la Biblioteca civica “Pietro Siciliani” di Galatina e procederà ogni giovedì dalle 16 alle 18. Per ulteriori informazioni e per prendere un appuntamento contattare direttamente la responsabile al numero 340.7667083. Nel corso dell'anno potranno darsi le condizioni per organizzare laboratori di pratica filosofica aperti a gruppi su richiesta dell’utenza da dedicare a temi di comune interesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento